CUBA, QUERIDA PRESENCIA

foto iphone 973 copia

 

Itinerario self-drive a Cuba, da l’Havana a Pinar del Rio, da Cienfuegos a Trinitad, per terminare al mare a Cayo Santa Maria

1° giorno
Arrivo all’aeroporto di l’Havana ed incontro con l’assistente parlante italiano. Trasferimento privato all’hotel Valencia o similare. Pernottamento e prima colazione.

2° giorno
Incontro con la guida per la visita dell’Havana, la capitale politico-commerciale del vecchio impero ispano-americano che ancora ne conserva l’aria di grandezza. E’ infatti una città ricca di palazzi aristocratici, patios fioriti e piazze che rimandano alla vecchia Europa, ma che mostra da subito le sue profonde cicatrici. Nonostante i fondi stanziati dall’Unesco per la ristrutturazione di Havana Vieja, la maggior parte di questi edifici, una volta bellissimi, sembra crollare da un momento all’altro sull’acciottolato dissestato delle sue stradine, regalando alla città quel fascino decadente e fatiscente che la rende famosa in tutto il mondo. Per conoscere l’anima di Havana, bisogna partire proprio dal luogo del primo insediamento coloniale: Plaza de Armas, la Cattedrale, Plaza San Francisco con la fontana dei leoni e Plaza Vieja. Ci si può poi spostare verso l’altro gioiello della città, il Malecòn, il sinuoso lungomare, che va dalla fortezza Cabaña fino al porticciolo della marina Hemingway, dove si affacciano i quartieri più famosi, come Vedado e Miramar. L’Havana è bella da girare anche senza meta: che ci si trovi in qualche viuzza del centro o nei suoi parchi, sul muretto del Malecon o nelle strade caotiche trafficate da auto varipinte e coco-taxi, ovunque si troverà qualcuno che balla o ascolta musica e ovunque si rimarrà colpiti per sempre dalla sua atmosfera accogliente e dignitosa al tempo stesso. Rientro  in hotel per il pernottamento.

3° giorno

Giornata a disposizione per visite a carattere individuale.

4° giorno
Ritiro dell’auto a noleggio. Partenza per Pinar del Rio. E’ la provincia più occidentale di Cuba, quella in cui si trovano le più estese piantagioni di tabacco e dove viene prodotto il miglior tabacco al mondo. Proprio queste coltivazioni, intervallate dagli insoliti Mogotes (montagne calcaree arrotondate) allineati lungo le pianure, crea uno scenario naturalistico molto particolare e unico al mondo. Si può fare un un giro in fabbrica per vedere come vengono fatti i migliori sigari del mondo, o fermarsi alla distilleria di brandy per scoprire come la gente del posto produce Guayabita del Pinar, un gustoso liquore di guava che qui è una specialità regionale. Merita una visita anche Soroa, che ospita 750 specie di orchidee e la spettacolare cascata di El Salto. Con un Sito Patrimonio dell’Umanità – la Valle de Viñales – e due riserve della biosfera – la Sierra del Rosario e la penisola di Guanahacabibes – Pinar del Río ha più territorio tutelato dall’UNESCO di qualsiasi altra provincia di Cuba. Sistemazione al Rancho San Vincente per la cena e il pernottamento.

5° giorno
Giornata libera per escursioni nei dintorni. Cena e pernottamento.

6° giorno
Partenza per Cienfuegos.

Cienfuegos è una città incantevole situata sul litorale della omonima baia. L’ambientazione marinaresca le ha fatto guadagnare il nome de “la Perla del Sud”, espressione che ha resistito per secoli. Le acque tranquille della regione sono ideali anche per la vela, il canottaggio e il kayak. La cultura di Cienfuegos deve la sua origine al retaggio di enclave francese. Le caratteristiche salienti della città comprendono un gruppo di edifici dall’architettura degna di nota, che sono stati dichiarati nel 2005 Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Degno di interesse anche Centro Culturale, che attualmente ospita attività ricreative per studenti locali, come la danza e la musica. Sistemazione all’Hotel La Union. Cena e pernottamento.

7° giorno
Partenza per Trinitad. Trinidad si mostra come una città del secolo scorso ed è definita da molti la città museo dei Caraibi. A Trinidad si trovano palazzi signorili, piazze e chiese nel loro stato originale che conserva lo sfarzo del periodo coloniale, così come case popolari dai muri con colori sgargianti e carri trainati da cavalli o buoi sulle strade selciate. La visita di Trinidad inizia sicuramente da Plaza Mayor, circondata da edifici storici che oggi sono sede di interessanti musei. E’ la piazza che si vede su tutte le guide di Cuba, quella con la torre della chiesa di san Francisco e sullo sfondo il verde della Sierra Escambray. Caratteristico anche il Mercado Artigianal, in cui si trovano tante piccole bancarelle che offrono prodotti artigianali tra cui ricami e oggetti in legno. Durante la visita nelle vie centrali di Trinidad si può fare una sosta nel locale più caratteristico della città, La Canchanchara, dove potrete gustare, assistendo alle esibizioni di musicisti locali, l’omonimo cocktail a base di aguardiente (rum non invecchiato), miele, limone e acqua. Sistemazione in casa particular

8° giorno
Sosta a Trinitad. Giornate a disposizione per visite ed escursioni

9° giorno
Partenza per Cayo Santa Maria. Durante l’itinerario, breve sosta a Santa Clara. Santa Clara è una piccola cittadina, meta obbligata per i nostalgici della rivoluzione che seguono le orme del Che. Durante la Revolucion, Santa Clara fu il primo centro conquistatato dai “Barbudos” comandati da Che Guevara e da Camilo Cienfuegos. La battaglia viene sintetizzata dalla rocambolesca conquista del treno che portava munizioni e rinforzi ai governativi e che ne è diventato simbolo, oggi visibile nel museo a cielo aperto a Nord Est della città. La memoria del Che è conservata soprattutto nel mausoleo a lui dedicato, dove furono trasferite le sue spoglie dopo il ritrovamento dei presunti resti in Bolivia. Il luogo è suggestivo e nel memoriale arde una fiamma perenne che illumina le nicchie con i resti dei rivoluzionari, Che compreso. La città coloniale si sviluppa intorno al Parque Vidal, che rappresenta il cuore vivo della città. Interessante anche il Museo Provincial Abel Santamaria, la Fabbrica di Tabacco, il Teatro de la Caridad e le numerose chiese, tra cui la Iglesia de Nuestra Señora del Carmen.

Proseguimento per Cayo Santa Maria. Sistemazione all’hotel Villa Las Brujas in bungalow. Mezza pensione

10° – 11° giorno

Giornate libere. Lunga poco più di 13 km e larga solo 2, Cayo Santa Maria è una delle isole dell’atollo Jardines del Rey, costituito da 2500 isolette coralline di sabbia bianca finissima. L’isola è collegata a Cuba da una strada sopraelvata, il Pedraplén, e lascia incantati per le sfumature del suo mare e per i colori della vegetazione. Sistemazione al Villa Las Brujas con trattamento di mezza pensione.

12° giorno

Rientro a l’Havana. Consegna dell’auto a noleggio all’aeroporto e rientro in Italia

Quota

La quota comprende:
Noleggio auto cat. media, km illimitato, assistenze e trasferimenti aeroportuali, visita di l’Havana con guida parlante italiano, sistemazioni come da programma, trattamento di mezza pensione eccetto all’Havana dove é previsto pernottamento e prima colazione, assicurazione Mondial Assistance standard.

La quota NON comprende:
trasporto aereo dall’Italia (su richiesta verrà proposta la tariffa aerea migliore disponibile), soggiorno alla casa particular di Trinidad (il pagamento sarà diretto alla struttura, circa € 35 a camere), assicurazione annullamento, assicurazione obbligatoria per auto a noleggio (circa 15 € al giorno)

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE   da  € 1100 

Indirizzo

Via XXIV Maggio, 103
41028 Serramazzoni (MO) - IT

Telefono +39.0536.950433
Fax +39.0536.937273
E-Mail: info@fuorirotta.biz