IL DESERTO DELLA DANCALIA

Dancalia - Fuorirotta.Biz

Laghi di sale bianchi come il ghiaccio, vulcani dalle fosche eruzioni, colate di lava nera, pozze di acqua cristallina e geyser che le regalano i colori piú vari… tutto questo è la Dancalia, dove le temperature sfiorano anche i 50 gradi.

L’unico popolo capace di vivere qui sono i pastori nomadi Afar, che commerciano il sale estratto dalla piana. Afar vuol dire “libero” e la sensazione di libertà sarà solo una delle grandi emozioni che quest’itinerario impegnativo può offrire

1° GIORNO – ADDIS ABEBA/AWASH PARK
Arrivo ad Addis Abeba e partenza per il parco di Awash, che si estende lungo l’omonimo fiume ed é uno dei più antichi parchi dell’Etiopia. Arrivo e visita del parco e delle cascate del fiume. Pernottamento all’Awash Fall Lodge

2° GIORNO – AWASH PARK-ASAYTA (350 Km buona pista asfaltata)
La strada scende verso la depressione della Dancalia, zona abitata dal popolo dei pastori Afar. Gli Afar, il cui nome significa “libero”, sono pastori nomadi, allevatori di dromedari e capre e commercianti del sale che estraggono in Dancalia. A Loghia visita delle pozze calde di Alalo Bet. Il viaggio prosegue per Asayta , la vecchia capitale del sultanato afar di Aussa.
Cena e pernottamento all’Hotel Basha Amare

3° GIORNO- ASAYTA-LAGO AFRERA (280 km strada asfaltata)
In mattinata breve passeggiata per il paese e visita al piccolo e poco conosciuto mercato di Asayta. Verso le 11 il viaggio prosegue verso il lago Afrera (-112 mslm) nel cuore della depressione della Dancalia. Il deserto della Dancalia si trova nel punto di incontro di tre spaccature tettoniche: il Mar Rosso, l’Oceano indiano e la Grande Rift Valley. Il continente africano si sta allontanando dalla penisola arabica di qualche centimetro l’anno e si sta spaccando lungo la Rift valley con la velocità di qualche mm l’anno. Arrivo al lago Afrera nel tardo pomeriggio. Campo

4° GIORNO LAGO AFRERA-ERTA ALE (80 Km di pista, 18 Km trekking)
Il Lago Afrera conosciuto come lago “Giulietti” é un lago salato. Lungo le sponde viene pompata l’acqua e lasciata evaporare nelle salline, quello che ne deriva é un sale bianco, il migliore che viene estratto in Dancalia. Milioni di anni fa tutta la depressione dancala era un mare che nel tempo é evaporato lasciando grandi depositi salini. Dopo Afrera la pista si snoda tra sabbia e lava in direzione del vulcano “Erta Ale” (“monte che fuma”), ultimo di una catena di vulcani che che occupano la parte centrale della depressione dancala. Passeremo per alcuni villaggi Afar fino ad arrivare alla base del trekking. L’Erta Ale é uno dei pochi vulcani al mondo ad avere una caldera di lava a cielo aperto. Posta su una dorsale parallela al Mar Rosso, tutta la zona é interessata da fenomeni di vulcanesimo.
Nel tardo pomeriggio cominceremo la salita fino alla cima della caldera. Il dislivello é solo 500 mt ma occorrono circa 3/4 ore su un sentiero tracciato nella lava. E’ di notte che lo spettacolo diviene grandioso perché gli zampilli di lava si fanno più evidenti e la caldera emana un misterioso bagliore rossastro, visibile anche da lontano. La luna quasi piena aggiungerà magia a questo scenario irripetibile. Campo in cima al vulcano

5° GIORNO – ERTA ALE-VAIDEDHOM (80 Km di pista)
Discesa del vulcano la mattina dopo aver fatto un altro giro della caldera. Pranzo al campo base e partenza per la piana del sale. La pista passa per una polverosa piana alluvionale alla cui destra si trova una catena di vulcani, di cui l’Erta Ale é quello più a sud. La piana di Dodom, nella stagione delle piogge si allaga lasciando pascoli verdi.
Da lì il viaggio prosegue verso il villaggio di Vaidedhom dove si produce la “dumma”, bevanda alcolica estratta dalla palma dum. Breve sosta al villaggio per poi proseguire per HamedEla.
Pernottamento in capanna locale

6° GIORNO – HAMEDELA
HamedEla é quasi all’estremità nord della depressione Dancala ai bordi della piana del sale che si estende fino al confine con l’Eritrea. Qui le carovane di dromedari e muli arrivano ogni giorno dall’altopiano etiopico per tornare la sera con il loro carico pieno di sale.
Al mattino presto partenza per la collina di Dalol, “collina degli spiriti”, alta 50 mt e ampia 8 Kmq. Tutta la zona é interessata da fenomeni di vulcanismo secondario con geyser e pozze multicolori che variano continuamente a seconda delle piogge. Durante questa visita si potranno ammirare anche le formazioni saline chiamate “colonne di Dallol”.
Rientro a HamedEla per il pernottamento

7° GIORNO- HAMEDELA-ASSOBOLE (30 km di pista)
In mattinata visita della zona della cava del sale e piccolo monte di sali di magnesio. Qui si raggiunge la maggiore depressione della Dancalia etiopica: 116 mt sotto il livello del mare.
Nel pomeriggio trasferimento al villaggio di Assobole.
Pernottamento in capanne Afar o tende

8° GIORNO – ASSABOLE-TREKKING FINO A MELABIDAY (15 Km)
Partenza per il villaggio di Assabole (30 Km). Assabole é l’ultimo villaggio afar sul fiume Saba, la strada delle carovane. Partenza presto al mattino per il trekking: una impercettibile salita lungo il canyon del fiume che occorrerà guadare molte volte (il livello é molto basso). Sul fiume le carovane vanno e vengono e sostano per riposarsi all’ombra delle rocce.
I carovanieri preparano il loro pane, la “burgutta” cotto sulle pietre. Pranzo pic-nic. Proseguimento verso il villaggio di Melabiday. Arrivo al tramonto e pernottamento in tenda

9° GIORNO- MELABIDAY-MAKALLE (140 Km di pista buona e asfalto)
Ritorno alla frescura dell’altopiano su una pista difficile. Sosta a Beraile, ultimo villaggio prima della salita verso l’altipiano e primo mercato del sale.
Arrivo a Makalle in tempo per il volo pomeridiano per Addis Abeba
Trasferimento in Hotel e pernottamento

10° GIORNO – ADDIS ABEBA
Giornata a disposizione. In serata trasferimento in aeroporto e partenza

PARTENZE SU RICHIESTA PER MINIMO 5 PERSONE

LA QUOTA COMPRENDE:
trasporto in fuoristrada con autista (incluso carburante
trasferimenti aeroportuali a Addis Abeba
guida parlante italiano durante tutto il tour
sistemazione in hotel con trattamento di pensione completa (eccetto ad Addis Abeba dove é previsto trattamento di pernottamento e prima colazione)
materiale da campeggio e cucina da campo (cuoco al seguito)
veicolo d’appoggio per il trasporto del materiale e per emergenze
acqua minerale durante i pasti e durante il viaggio
ingresso alla zona Afar con scout e milizie
assicurazione Medico/bagaglio standard

LA QUOTA NON COMPRENDE:
volo dall’Italia e volo interno (al momento disponibile tariffa Ethiopian a € 650 incluso la tratta interna)
bibite ed alcolici
mance
visite ed escusioni non previste dal programma
ingressi per videocamera
assicurazioni integrative (annullamento, integrazione massimali etc)

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indirizzo

Via XXIV Maggio, 103
41028 Serramazzoni (MO) - IT

Telefono +39.0536.950433
Fax +39.0536.937273
E-Mail: info@fuorirotta.biz